Archivi autore: itanes

Uscita libro “Vox populi – Il voto ad alta voce del 2018”

Vi segnaliamo l’uscita del libro “Vox populi – Il voto ad alta voce del 2018” edito dai soci ITANES per la casa editrice Il Mulino di Bologna.

Nelle votazioni politiche del marzo 2018 la vox populi si è fatta sentire forte e chiara. Oltre a penalizzare drasticamente il partito al governo e a premiare un’opposizione radicale, il risultato elettorale ci ha consegnato un parlamento composto in gran parte di nuovi eletti. Perché l’offerta politica di M5S e Lega è risultata più convincente? Quali domande ha intercettato? Nel volume si descrive e si interpreta la risposta degli elettori alla campagna elettorale e alle strategie dei partiti, analizzando la stratificazione sociale e geografica del voto, le motivazioni e le emozioni degli elettori, la loro protesta e voglia di cambiamento.

Cogliamo l’occasione per segnalare anche l’articolo pubblicato dal quotidiano La Stampa che presenta alcuni dati interessanti del nuovo volume ITANES.

Libro “La Lega di Salvini. Estrema destra di governo”

Vi segnaliamo l’uscita del libro La Lega di Salvini. Estrema destra di governo dei soci ITANES Gianluca Passarelli e Dario Tuorto per la casa editrice Il Mulino.

Da tempo la Lega ha scelto di posizionarsi nell’area dell’estrema destra: una virata che ha consentito al partito di legittimarsi come forza trainante della coalizione conservatrice, tanto da stravolgerne l’assetto indebolendo l’area moderata. Nello scenario emerso con il voto del 2018 la Lega compete con l’altra formazione anti-establishment, il Movimento 5 Stelle, nel tentativo di monopolizzare il disagio economico e il disorientamento elettorale e di ricomporre, sul piano socio-territoriale, le istanze di cambiamento avanzate dagli elettori. Uno scenario inedito in cui due frères-ennemis si disputano l’egemonia politica e culturale in Italia.

Programma Convegno POPE-SISE Elezioni Politiche e Regionali 2017/18

Programma definitivo del convegno ELEZIONI POLITICHE E REGIONALI 2017/18: proposte e strategie dei partiti, risposta elettorale e impatto sul sistema politico italiano.

La sede dell’incontro che si terrà il 10 e 11 Maggio è l’Università degli Studi di Salerno, Dipartimento di Scienze Politiche Sociali e della Comunicazione, Via Giovanni Paolo II, 132 – 84084 Fisciano (Sa).

Call for papers – Convegno SISP 2018

Convegno Annuale della Società Italiana di Scienza Politica
Sezione 9. Elezioni e Comportamento di Voto

Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Culture, Politica e Società

Torino, 6-8 Settembre 2018

Si segnalano ai soci ITANES i seguenti panel nella Sezione 9 – Elezioni e Comportamento di Voto (Elections and Voting Behaviour):

La sede del convegno SISP è l’Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Culture, Politica e Società.

Le proposte di paper (abstract) devono essere inviate entro il 20/05/2018 ai panel chairs esclusivamente attraverso l’area riservata MySISP.

Call for papers – POPE SISE – Elezioni politiche e regionali 2017/18

Elezioni politiche e regionali 2017/18: proposte e strategie dei partiti, risposta elettorale e impatto sul sistema politico italiano

Università degli Studi di Salerno, Dipartimento di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione

Salerno, 10-11 Maggio 2018

La sezione Partiti Opinione Pubblica Elezioni-POPE della Società Italiana di Scienza Politica  insieme alla Società Italiana di Studi Elettorali-SISE, a ITANES e al Dipartimento di Scienze Politiche Sociali e della Comunicazione dell’Università di Salerno promuovono il 10 e 11 maggio 2018 un incontro di studio sulle elezioni politiche e regionali.

La sede dell’incontro è l’Università degli Studi di Salerno, Dipartimento di Scienze Politiche Sociali e della Comunicazione, Via Giovanni Paolo II, 132 – 84084 Fisciano (Sa).

Le proposte di relazioni scritte possono essere inviate entro il 1/04/2018 a segreteria@itanes.org o alternativamente a segreteria@studielettorali.it .

Scarica la locandina dell’evento

CALL FOR PAPERS

Le elezioni legislative 2018 giungono al termine di una legislatura caratterizzata dalla presenza di tre diversi governi con maggioranza variabile, dal tentativo di modificare la carta costituzionale, dall’introduzione di una nuova, ennesima, legge elettorale mista, dalle trasformazioni di numerosi partiti e movimenti politici, dall’attenuarsi della più severa crisi economica in decenni, dall’intensificarsi dei fenomeni migratori. Le congetture sui risultati tendono a individuare il rafforzamento di una dinamica partitica tripolare e l’improbabilità di un esito capace di dar vita ad una maggioranza di governo praticabile. La partecipazione elettorale è data in ulteriore calo a causa di una perdurante sfiducia dell’opinione pubblica nei soggetti politici e dei processi di disintermediazione partitica, entrambi alla base di atteggiamenti e comportamenti populisti. Letture maggiormente ottimistiche sullo stato di salute della democrazia italiana segnalano viceversa la partecipazione dell’opinione pubblica attraverso i social media, una legge elettorale che grazie alla componente maggioritaria potrà contribuire a dar vita ad una maggioranza di governo, il riavvio di un ciclo economico positivo.

L’incontro di studio intende offrire al dibattito scientifico analisi empiricamente fondate: a) sul ruolo esercitato dagli attori – partiti, opinione pubblica, media – durante la campagna elettorale; b) sul coinvolgimento dell’opinione pubblica e le determinanti del voto; c) sulle dinamiche di competizione interpartitica che i risultati elettorali consegnano al paese. In maggiore dettaglio, i contributi scientifici attesi potranno affrontare alcuni temi, la cui lista è solo esemplificativa e non esaustiva:

– la geografia del risultato elettorale;

– la partecipazione elettorale;

– la competizione nei collegi uninominali e plurinominali;

– le dinamiche del sistema partitico;

– il funzionamento della nuova legge elettorale;

– il sistema (complesso) della normativa elettorale tra parlamento, regioni e comuni;

– il ciclo elettorale e le elezioni regionali;

– le dinamiche nazionali e locali della campagna elettorale;

– le determinanti della scelta di voto (stratificazione sociale, voto retrospettivo,

tematiche, ecc.);

– la comunicazione politica dei partiti;

– la campagna e la partecipazione in rete.